“La riapertura per il 27 marzo al 25% della capienza dei teatri non tiene in considerazione le peculiarita’ del settore. È necessario mantenere gli indennizzi allineati alle specificita’ di ogni categoria con delle riaperture concordate con i settori”.

Cosi’ il capogruppo di FDI in commissione Cultura, Federico Mollicone, nel corso dell’audizione del ministro alla Cultura, Dario Franceschini.

“Vanno tenute in considerazione le necessita’ e le peculiarita’ della moltitudine di categorie che fanno parte del comparto dello spettacolo dal vivo. Dobbiamo evitare che la riapertura di un quarto della capienza divenga una giustificazione per chiudere quel rivolo di ristori che si e’ imposto ben al di sotto del livello di sussistenza”.

“Il ministro Franceschini – spiega il Capogruppo – ascolti le richieste delle categorie al tavolo istituzionale al MiC, istituito grazie a un ordine del giorno di FDI, in vista della programmazione, e riveda questa scelta, che non tutela le necessita’ economiche della cultura. Vanno riaperte subito le strutture di danza e sport, o il settore rischia il collasso”.

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 03 marzo 2021 alle 20:00
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print