Si è svolto questa mattina un incontro tra il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Roberto Calderoli, e una delegazione del partito Italia del Meridione composta da: Orlandino Greco, Nicodemo Filippelli, Enea Giancaterino.

"E' stato un confronto cordiale, proficuo e incentrato sui temi di nostro comune interesse. Insieme abbiamo approfondito non solo ciò che riguarda l'Autonomia all'esame del Parlamento ma anche vari aspetti legati ai Lep, alla perequazione per le diverse zone del Paese e soprattutto alla garanzia di servizi adeguati per tutti i cittadini per ridurre i divari causati dal centralismo. Un grande lavoro che io stesso ho iniziato con il federalismo fiscale, introducendo proprio il fondo perequativo. Citando il professor Cassese, sono fermamente convinto che dopo l'unificazione politica del Paese, sia necessario realizzare anche quella economica e sociale. L'obiettivo mio e del Governo, anche attraverso l'autonomia e i Lep, è esattamente questo".

"Da parte nostra - fa sapere la delegazione - ringraziamo il ministro Calderoli per la disponibilità al confronto e la grande attenzione rivolta ai temi della perequazione tra diverse aree del Paese. Il nostro è un partito politico di impostazione federale che, come la Lega, ha come proposito proprio quello di abbattere i divari, incentivare una selezione di classe politica competente, esaltare il valore della territorialità. Abbiamo trattato diversi argomenti e rivolto particolare attenzione al regionalismo differenziato e ai fondi perequativi, sui quali abbiamo chiesto e ottenuto garanzie da parte del ministro. Abbiamo inoltre ribadito l'importanza del superamento della spesa storica e della definizione di costi e fabbisogni standard partendo dai Lep, che proprio il ministro ci ha confermato essere tra i principali propositi del suo lavoro fin dall'inizio del mandato di Governo. Anche noi siamo convinti che l'autonomia non spacchi il Paese ma voglia rinnovarlo, per risolvere le sperequazioni attuali. Con le giuste garanzie, e' un'opportunità per il mezzogiorno e una sfida che le classi dirigenti del sud devono saper cogliere".

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 22 febbraio 2024 alle 20:40
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print