“Nell’ultimo anno l’impegno richiesto agli agenti della Polizia di Stato è cresciuto notevolmente. Ai tradizionali impieghi di controllo dei territori, prevenzione e contrasto alla criminalità, lotta alle mafie e alla corruzione, nonché quelli connessi al rischio di terrorismo interno e internazionale, si è aggiunto l’impegno legato al rispetto delle misure di contenimento del rischio epidemiologico.

L’attribuzione di nuove e ulteriori competenze alla Polizia di Stato, tuttavia, si scontra con la realtà che vede il suo organico depauperato e composto da personale sempre più anziano. 

Tutto ciò è ancora più evidente in riferimento alla Questura della città di Messina che, sebbene sia efficiente e all’avanguardia, non ha abbastanza risorse umane in grado di garantire un adeguato livello di sicurezza, poiché negli ultimi 20 anni - così come denunciato durante un convegno dell’Usip (Unione sindacale italiana poliziotti) a Palazzo Zanca - il personale impegnato sul territorio messinese è diminuito di oltre 300 unità. 

Per tutti questi motivi ho presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese - sottoscritta anche dai colleghi deputati messinesi Navarra, D’Uva, Germanà, Timbro e Bucalo -, per sapere quali iniziative intenda adottare per consentire l’effettivo potenziamento dell’organico della Questura di Messina, anche mediante lo stanziamento di nuove e maggiori risorse destinate in modo specifico per questo scopo. 

Ci aspettiamo dal governo una risposta celere e positiva. La città dello Stretto ha un indispensabile bisogno di risolvere queste carenze”.  

Così Matilde Siracusano, deputata messinese di Forza Italia.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 02 dicembre 2021 alle 14:10
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print