“L’anno scorso ho avuto l’onore di essere il relatore della manovra alla Camera quindi comprendo le difficoltà dei colleghi nel cercare di coniugare il testo base uscito dal Consiglio dei ministri con gli emendamenti che arrivano dalla maggioranza e dall’opposizione, ma soprattutto con il confronto con il mondo produttivo, i sindacati e le associazioni”. Così Roberto Pella, capogruppo di Forza Italia in commissione Bilancio a Montecitorio, intervenendo a Il Timone su Giornale Radio.

“Questa manovra è diversa dalle precedenti – ha proseguito - perché c’è la volontà politica da parte della maggioranza di non presentare, come è successo in passato, 8-9 mila emendamenti, ma di arrivare a definire gli emendamenti dei relatori, che prendano atto delle richieste più significative condivise all'interno della maggioranza provenienti dal mondo produttivo e che hanno una copertura. È chiaro che gli emendamenti sono quasi tutti interessanti e utili, però la maggior parte - lo riscontro in quelli che sono arrivati da parte della sinistra - non hanno minimamente una copertura economica. A una proposta deve fare seguito una copertura, quindi è chiaro che il lavoro che va fatto in questi giorni è importante, anche perché ci sarà una sola lettura. È giusto e doveroso quindi che i colleghi del Senato, così come abbiamo fatto noi alla Camera l'anno scorso, cerchino di inserire tutto il possibile, tenendo conto delle coperture e dei pareri tecnici espressi dal Mef e dalla Ragioneria, che sono fondamentali per far sì che il testo poi sia bollinato, che non ritorni in Commissione e che abbia l'approvazione dell’Europa e dei mercati finanziari. Fanno bene i colleghi a lavorare con cura, con calma, e a cercare di portare all'interno del testo gli aspetti che sono rimasti fuori dalla discussione, come quello delle pensioni, quello legato al comparto medico, e altre proposte che noi, come Forza Italia, abbiamo portato avanti con il nostro Segretario Nazionale Tajani, che vanno nella direzione di non aumentare l'imposizione fiscale sulla casa. Sono aspetti che migliorano il testo. La manovra ha un particolare interesse non per una forza politica, ma per gli italiani, che attraverso questo documento possono avere una soluzione ai loro problemi nell'anno successivo”, ha concluso.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 30 novembre 2023 alle 20:40
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print