"Lascio sempre correre le offese, comprendo che il dibattito politico, la differenza di idee e posizioni, portino ad accendere i toni. Ma c'è un limite ben preciso tra l'offesa e la minaccia". Così in una nota l'ex ministro M5S della Salute, Giulia Grillo, commenta la minaccia ricevuta ieri sera su Facebook che riportava: "Ti rifaremo la pelle...rasata al cranio come alle detenute criminali".

"Questa non è la prima che mi giunge e forse non sarà nemmeno l'ultima, ma oggi voglio mostrare a tutti la semplicità dell'odio. Un uomo comune, sarà un padre, un fratello, un amico, dal quale probabilmente non ti aspetteresti tutto questo livore e che invece di fronte ad uno schermo si concede il lusso di dare il peggio di sé. È l'identikit di tanti odiatori, purtroppo. Uomini o donne non importa. Questa volta ho deciso di non lasciar perdere: bisogna capire che non sempre tutto è concesso".

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 20 giugno 2020 alle 18:20
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print