"La Lega non ha voluto aumentare gli stipendi dei Vigili del fuoco ed ha ritirato ieri la firma ad un emendamento che aveva questo scopo: le chiacchiere stanno a zero e questa è la realtà. Tutti i gruppi erano d'accordo, ma gli esponenti della Lega si sono sfilati all'ultimo, facendo saltare gli aumenti in busta paga per i pompieri, previsti già per fine luglio". E' quanto scrive in una nota il gruppo del MoVimento 5 Stelle alla Camera, rispondendo alla nota dei capigruppo del Carroccio. "Invece di arrampicarsi sugli specchi - prosegue la nota - Salvini e i suoi compagni di partito dovrebbero spiegare perché si sono opposti all'equiparamento degli stipendi dei Vigili del fuoco a quelli delle altre forze dell'ordine. Su questo tacciono, con un comprensibile imbarazzo". "Vito Crimi oggi ha già affermato che si troverà una soluzione - si sottolinea ancora - e che si sta già lavorando, con il Governo, per inserire questa norma, che rappresenta un diritto sacrosanto per il corpo, nel primo provvedimento utile".

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 04 luglio 2020 alle 17:50
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print