Ai microfoni di Rai 3, nel corso di ‘Cartabianca’, è intervenuto il leader della Lega Matteo Salvini: “C’è un governo totalmente fermo, se ci fosse un governo che fa qualcosa uno direbbe di lasciarli fare, invece è fermo su tutto, sulla scuola, sull’ambiente, sui cantieri. Si muovono solo sull’immigrazione visto che sono triplicati gli arrivi. Sarebbe più saggio che gli italiani potessero scegliere un parlamento nuovo, ormai è evidente che PD e M5S litigano tutti i giorni su tutto e in Italia non lo si può permettere. Se si può votare con questa legge elettorale? Tutti i dati e tutti i sondaggi dicono che la maggioranza c’è la sera delle elezioni, con questi numeri se si vota domani c’è una maggioranza e c’è un governo. Noi come Lega abbiamo chiesto di rinviare le scadenze di luglio, la risposta del governo è stata che non se ne fa nulla. Chi non riesce a pagare entro il 20 luglio avrà una multa. Convocazione da Conte? No, nessuna, sono giorni che abbiamo il telefono acceso per sapere se al governo interessa la nostra opinione”.

Su Berlusconi: “Tutto il centrodestra, Berlusconi compreso, sa che non si può andare avanti con questo governo. Le divergenze sul MES? Il dibattito sul MES è chiuso perché tutti i Paesi hanno detto di no, compresa la Grecia che ha più problemi di noi. Tutti i Paesi europei hanno detto ‘No, grazie’, tutti stanno facendo con i loro buoni del tesoro e l’Italia sta facendo la stessa cosa, questa è la via, lasciare in mano ai cittadini italiani il futuro della ricostruzione italiana. La fregatura del MES è che i soldi vanno restituiti a precise condizioni decise da Lussemburgo, non vedo perché mettere l’Italia nella stessa situazione della Grecia. Io degli italiani mi fido, della burocrazia europea no”.

Sui BTP: “Sono in mano a cittadini italiani, se domani in Germania dicono che l’Italia deve aumentare l’età pensionabile o aumentare le tasse perché dobbiamo dire ‘Sissignore?”. Io mi fido solo degli italiani, non dei burocrati europei".

Sul Governo e il passaggio di parlamentari: “Alcuni eletti dei 5 Stelle si sentono traditi dall'accordo col Pd e con Renzi. Se qualcuno ritiene che Lega sia più coerente, le porte sono aperte. Noi non stiamo cercando nessuno. Questo governo si sta indebolendo da solo. Non serve il passaggio di Parlamentari da uno schieramento all'altro. Ditemi una sola cosa che questo governo ha portato a casa in un anno. Me ne si dica una. Una”.

Sul decreto semplificazioni: “Io ormai se non vedo non credo. Se non applichi il modello Genova l’Italia è ferma. Io delle promesse non mi fido più, gli italiani stanno aspettando ancora la cassa integrazione, siamo a luglio. L’unico modo per semplificare è applicare il modello Genova, guarda caso un comune a governo Lega”.

Sul Coronavirus: “Mi faccia esprimere la soddisfazione per il fatto che i primi governatori più apprezzati d’Italia siano della Lega, evidentemente laddove governiamo facciamo la differenza. La salute viene prima di tutto, se sei malato e metti a rischio la salute altrui non devi farlo. Mi auguro che ci sia lo stesso buonsenso per permettere agli italiani di ripartire. È inaccettabile che ad oggi non ci siano ancora certezze sulla riapertura della scuola. Noi abbiamo riempito di proposte la ministra Azzolina, tutta Europa ha già riaperto le scuole, c’era solo da copiare. Se c’è un ministro che non è in grado di gestire il problema, si faccia da parte. Un governo che si occupa del campionato di calcio e non delle scuole è un governo che ha dei problemi”.

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 07 luglio 2020 alle 22:32
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print