Attraverso i propri social, il deputato di Liberi e Uguali Stefano Fassina ha detto la sua sulle parole di Christine Lagarde, presidente della BCE: “Sono completamente inadeguate le risposte decise oggi dalla Bce per affrontare le drammatiche conseguenze economiche e sociali del Coronavirus - ha esordito su Facebook -. Totalmente sottovalutata la portata dello shock generato dal Coronavirus. Fuori dalla realtà le aspettative di un riassorbimento degli effetti economici entro fine anno. Irritante il riferimento al target di inflazione, quando è evidente la profonda recessione e la deflazione in corso. Inoltre, è grave che le decisioni siano state assunte all’unanimità dal Governing Council. La reazione dei mercati inevitabilmente lo dimostra. Ma la responsabilità è della politica, dei governi nazionali in primis, non di una banca centrale menomata per statuto degli strumenti fondamentali a disposizione di tutte le banche centrali del mondo. Dall’eurogruppo di lunedì prossimo e poi dal Consiglio europeo deve arrivare richiesta alla Bce di comprare subito speciali emissioni di titoli di Stato senza scadenza e a tasso zero in modo da non aggravare il debito pubblico. Inoltre, deve arrivare anche la richiesta alla Bce di sterilizzare i titoli di stato acquistati da ciascuna banca centrale nazionale nell’ambito del Quantitative easing. Senza tali interventi, i debiti pubblici diventano insostenibili”, ha concluso.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 12 marzo 2020 alle 17:00
Autore: Alessandra Stefanelli
vedi letture
Print