“Sull’istituzione del reato di omicidio sul lavoro, tendenzialmente sono d'accordo con il ministro Nordio: non si risolvono i problemi solo aumentando le pene. Nel nostro paese ci sono moltissime fattispecie di reato, quindi i colpevoli possono essere  puniti sulla base delle leggi vigenti. Bisogna, semmai, aumentare gli ispettori, ma non voglio che passi l'idea che non si sta facendo nulla”.

Così Raffaele Nevi, Portavoce di Forza Italia e vicepresidente vicario dei deputati azzurri, intervenendo a Restart. 

“Nel primo anno e mezzo di governo – ha proseguito - sono stati assunti molti ispettori e nel 2024, come ha confermato il ministro Calderone, ci sarà il 40% di ispezioni in più. È chiaro che non basta, ma dobbiamo fare anche i conti con i limiti e i vincoli di bilancio. La cosa fondamentale è costruire una cultura della prevenzione. Dobbiamo modificare le norme per qualificare gli operatori, soprattutto nel settore nell'edilizia. Con il superbonus si è verificato un disastro colossale, e anche chi non si era mai occupato di edilizia si è cimentato, pur di approfittare della misura. Bisogna lavorare sulla formazione e fare in modo che si crei veramente una cultura della prevenzione”, ha concluso.

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 26 febbraio 2024 alle 11:30
Autore: Redazione Milano
vedi letture
Print