"Altro che crisi e pettegolezzi di quart’ordine. Ora Draghi e tutti noi al governo abbiamo il compito di uccidere il mostro dell’inflazione, che, come l’Idra, ha tante teste diverse e contro il quale abbiamo già stanziato 33 miliardi di euro. Dobbiamo essere lucidi nella diagnosi e nella cura: tutti gli interventi dovranno essere collocati all’interno di un doppio patto sociale, uno europeo e uno italiano. Non c’è più tempo da perdere". Lo afferma il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, in un'intervista a QN. Per il ministro, sbaglieremmo a curare l'inflazione tutta "con lo stesso farmaco, ad esempio con la leva monetaria. L’aumento dei tassi a dosi massicce, da solo - spiega - rischierebbe di farci passare dalla padella dell’inflazione alla brace della stagflazione, con annessa esplosione degli spread, pericolosamente frammentati nell’eurozona". La prima testa dell'Idra dell'inflazione, secondo Brunetta, "è quella di Putin: per metà (ma il rischio è che la situazione peggiori diventando strutturale) l’aumento dei prezzi riguarda al momento, infatti, i prodotti energetici e i meccanismi speculativi generati dalla guerra. Contro questa fiammata, da shock dell’offerta, bisogna accelerare sul price cap, il tetto al prezzo del gas e del petrolio importati dalla Russia, e sul decoupling, entrambi teorizzati e invocati da Draghi. Per questo obiettivo non possiamo aspettare ottobre. Ci vuole un accordo europeo subito".

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 03 luglio 2022 alle 16:30
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print