“Quando si tratta di minori, tanto più in un contesto emergenziale come quello provocato dalla pandemia, è necessario ci sia una costante programmazione di azioni politiche mirate. Soprattutto nel caso dei minori fuori famiglia, per i quali è opportuno un monitoraggio costante, le banche dati sono indispensabili per effettuare indagini periodiche, con una cadenza che potrebbe essere di due anni. In questo modo sarebbe possibile fotografare la situazione attuale confrontandola con il passato, così da poter intervenire in modo mirato sulle specifiche misure da attuare per garantire il benessere psicofisico di bambini e ragazzi che si trovano presso le famiglie affidatarie”. Lo ha detto Licia Ronzulli, presidente della commissione parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza, nel corso dell’audizione Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza, Carla Garlatti.

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 12 maggio 2021 alle 13:40
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print