“Nonostante gli arrivi irregolari di migranti sulle nostre coste continuino senza sosta e sia già stata raggiunta la cifra record di oltre 63mila sbarcati, il Ministro Lamorgese è pronta a proporre insieme al Ministro Orlando un nuovo decreto flussi che allargherà le maglie di ingresso per il 2022 prevedendo di accogliere nel nostro Paese circa 80mila stranieri. Dopo aver tolto lo scorso anno il tetto di ingressi voluto da Salvini, una nuova scelta che rischia di aumentare nettamente gli arrivi. Attendiamo di vedere il testo ma teniamo alta la guardia: non è accettabile che si preveda di far arrivare migliaia di persone quando non si può garantire l’espulsione di chi è clandestinamente nel nostro Paese. L’Italia non ha bisogno di far arrivare dall’estero manodopera poco qualificata ma di incentivare e agevolare l’immigrazione di qualità, quindi persone opportunamente formate e qualificate nelle scuole professionali dei loro Paesi. Inoltre occorre ricordare che in Italia ci sono circa 3 milioni di cittadini che percepiscono il reddito di cittadinanza, presumibilmente pronti per essere inseriti nel mondo del lavoro il prima possibile. Invece di aprire le porte del nostro Paese a stranieri per motivi lavorativi, sicuramente è il caso di far funzionare questi meccanismi che costano allo Stato 9 miliardi solo quest’anno e dovrebbero servire proprio per facilitare l’incontro tra domanda e offerta”.

Così in una nota Tony Iwobi, senatore della Lega e vice presidente commissione straordinaria diritti umani

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 02 dicembre 2021 alle 09:30
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print