“Quella sull’utilità del Green pass è una domanda che si potrebbe porre anche ad Angela Merkel, Boris Johnson, a Pedro Sanchez e a molti altri governi in Europa dal momento che questa misura è stata adottata solo da Italia e Francia. Evidentemente il Green pass non garantisce alcun tipo di affidabilità e anzi può determinare situazioni di maggior diffusione del contagio”. Lo ha dichiarato in un’intervista a iNews24 il deputato di Fdi, Galeazzo Bignami che ha poi proseguito: “Rimaniamo dell’idea che il Green pass altro non sia che uno strumento induttivo dell’ obbligo vaccinale. Dobbiamo ricordarci che il nemico principale in questa battaglia è il virus e quindi tutto ciò che comporta il contrasto alla sua diffusione andrebbe sostenuto e sviluppato; pertanto non comprendiamo questa discriminazione che continua a realizzarsi nei confronti dei tamponi, che sono uno strumento di verifica ancora più rafforzativo della condizione di salute della persona una volta che si sottopone al test”. Ancora sull’estensione del Green pass Bignami ha poi spiegato: “Sono misure induttive che surrettiziamente vogliono condurci all’obbligo vaccinale, noi invece crediamo che lo Stato, se vuole arrivare a questo, deve avere il coraggio di adottare questa disposizione e assumersene le responsabilità anche per le conseguenze”. Sull’adozione del Green pass anche per deputati e senatori, Bignami ha poi concluso: “Fratelli d’Italia ha sempre detto che se il Green pass si doveva imporre ai cittadini, a maggior ragione anche Camera e Senato dovevano adottarlo integralmente; i privilegi non possono esistere e ancor meno per chi deve rappresentare un esempio per la nazione”
 

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 19 settembre 2021 alle 20:45
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print