"Le rivelazioni del direttore de 'La Stampa' Massimo Giannini sono gravissime. Nel suo editoriale, Giannini parla di uno 'strano network' che si starebbe occupando di reclutare senatori per conto del presidente del Consiglio Conte, un network di cui farebbero parte tra gli altri anche 'generali della Guardia di Finanza' e 'amici del capo dei servizi segreti Vecchione', oltre a 'noti legali vicini al premier e presidenti di ordini forensi a nome dello Studio Alpa'. E' doveroso che arrivino al più presto chiare e nette smentite, altrimenti sarebbe opportuno che sulla questione venisse convocato subito il Copasir". E' quanto scrive su Facebook il deputato di Italia Viva Michele Anzaldi.  

"Davvero il direttore del Dis, sotto il cui coordinamento - prosegue Anzaldi - ci sono i servizi segreti, starebbe facendo pressioni per cercare senatori per Conte? Davvero sono coinvolti generali della Guardia di Finanza? Chiarezza su quella che Giannini chiama 'moral suasion condotta con quel favore delle tenebre sempre negato'".

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 17 gennaio 2021 alle 12:00
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print