“Le dichiarazioni del ministro Crosetto rispecchiano la realtà degli ultimi anni, è chiaro che una parte della magistratura è più interessata alla politica che all’esercizio della funzione giurisdizionale. L’opposizione monta polemiche strumentali sulla questione ma basta guardare agli scandali che hanno interessato una parte della Magistratura, emersi dalla vicenda Palamara, per capire che c’è qualcosa nel sistema giustizia che non funziona. Un sistema malato che per la verità non coinvolge tutta la magistratura ma una parte, quella propriamente politicizzata che, se anche minoritaria, mina gravemente la credibilità dell'intera categoria, determinando un diffuso sentimento di sfiducia dei cittadini". Così interviene al Cusano Tv il deputato di Forza Italia e vicepresidente della commissione Giustizia, Pietro Pittalis.

“Forza Italia continua, anche in questa legislatura, ad occuparsi delle riforme necessarie per una giustizia giusta e di qualità, ad iniziare dalla separazione delle carriere tra magistratura giudicante e requirente, per riaffermare il ruolo di terzietà del giudice e la centralità del diritto di difesa che deve essere messo sullo stesso piano dell'accusa. Si tratta di una riforma che per Forza Italia costituisce una priorità, al pari delle riforme sul Premierato e sull'autonomia differenziata. A noi interessa – continua l’esponente azzurro - fare riforme utili per il funzionamento del sistema giustizia che rimetta al centro la persona, senza mai derogare ai principi costituzionali della presunzione di innocenza, del giusto processo e della ragionevole durata del processo. Grazie alle proposte di legge di Forza Italia abbiamo inaugurato una stagione di riforme liberali e garantiste: quella sulla prescrizione che consentirà di superare la aberrante regola introdotta dai grillini del fine processo mai; quella sull'abrogazione dell'abuso d'ufficio e della modifica del reato di traffico di influenze illecite; quella che limita la pubblicazione delle intercettazioni, a tutela soprattutto delle persone estranee alle indagini, quella sulla modifica della legge Severino ed altre, comprese quelle sul versante civile, assolutamente necessarie per rendere competitivo il nostro sistema economico. Sul versante dell'ordinamento giudiziario - ha aggiunto Pittalis - valutiamo positivamente la previsione del fascicolo personale del magistrato che costituirà un utile strumento per monitorare e valutare l'attività, tenendo conto non solo della quantità ma anche della "qualità" dei provvedimenti resi, ad evitare promozioni e avanzamenti di carriera solo sulla base del criterio di anzianità e, ancor peggio, anche quando si ravvisino evidenti anomalie nell'esercizio della funzione giudiziaria".

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 29 novembre 2023 alle 21:40
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print