"Il no all'abolizione del reato di abuso d'ufficio da parte del CSM, recentemente rinnovato, è un no pesante. Il CSM riporta con dovizia di particolari tutti i fatti oggetto di sentenze definitive che con l'abolizione del reato, verranno cancellate. Tutte vicende di soprusi e prevaricazioni di pubblici ufficiali nei confronti dei cittadini che ora non avranno più alcuna difesa.

Il CSM ribadisce, inoltre, quanto avevamo già sottolineato nei nostri interventi, e cioè il rischio ora di essere indagati per reati più gravi e il fatto che con l'abolizione alcune condotte più gravi non saranno accertate stante il venir meno di quel reato che aveva in molte circostanze costituito un reato spia. Auspichiamo che ora si rifletta attentamente sulle conseguenze di questa abolizione e che si ragioni al contrario sulle proposte che davvero servi per superare quella "paura della firma" che con l'abolizione del reato di abuso d'ufficio non ha nulla a che fare" così i democratici Debora Serracchiani e Andrea Orlando.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 22 febbraio 2024 alle 21:30
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print