“Le ampie, dettagliate e documentate dichiarazioni del dott. Palamara comprovano in modo inequivoco che nelle situazioni a lui note i procedimenti e le decisioni nei confronti del Presidente Berlusconi erano del tutto sconnesse da realtà fattuali e si sono basate su logiche politiche, corporative e di mantenimento di un potere totalizzante che ha devastato il paese”. Lo afferma l’avvocato Niccolò Ghedini. “Gli innumerevoli processi al Presidente Berlusconi, ai suoi collaboratori e alle sue società acquisiscono un preciso significato nella ricostruzione del Dott. Palamara. Modalità che sarebbero state usate, ancorchè in modo minore, anche nei confronti di altri leader politici non graditi alla magistratura.

Vi è stata dunque una campagna processuale volta alla sistematica distruzione dell’immagine del Presidente Berlusconi e della sua compagine politica che veniva ritenuta un ostacolo alla conservazione del potere assoluto della Magistratura. Questa situazione che da anni denunciamo inascoltati, dopo tali precise dichiarazioni non può restare senza conseguenze. Oltre a cessare la persecuzione giudiziaria nei confronti del Presidente Berlusconi e a porre nel nulla le negative decisioni pregresse è imprescindibile che le istituzioni intervengano urgentemente per evitare il ripetersi dei gravissimi fatti narrati, assumendo tutte quelle determinazioni necessarie per garantire un giusto processo ai cittadini e consentire a quella amplissima e maggioritaria parte della magistratura che svolge in modo impeccabile il proprio delicato e complesso compito, di poter liberamente operare, senza quei gravissimi condizionamenti che comunque dovranno trovare le opportune verifiche in sede disciplinare, civile e penale”.

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 26 gennaio 2021 alle 15:15
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print