“L’intesa è politica, i dettagli sono parte sostanziale in questa vicenda perché gli asset russi sono in gran parte in Europa e quindi dobbiamo adeguare la regolamentazione europea per il possibile utilizzo. Il successo dell’Ue dei giorni scorsi è stato un grande passo avanti” ma la proposta degli Stati Uniti  “implica un accordo a 27 e dunque vanno coinvolti gli altri Paesi. Si lavorerà per cercare di arrivare al vertice dei leader con una proposta definita a livello tecnico e quantitativo. Non è un percorso semplice ma siamo fiduciosi”. Lo ha dichiarato il ministro dell'Economia, Giancarlo Giorgetti, in una conferenza stampa al termine del G7 Finanze a Stresa, parlando della decisione di utilizzare gli asset russi congelati in Occidente a sostegno dell'Ucraina. 

 “il G7 Finanze ha fatto progressi”, ha spiegato Giorgetti, sottolineando che la partita non è ancora “finalizzata”. La questione “presenta problematiche di tipo tecnico e legale”, ma il sostegno a Kiev è confermato “da tutti i Paesi del G7”, ha aggiunto. 

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 25 maggio 2024 alle 16:45
Autore: Tommaso Di Caprio
vedi letture
Print