“Siamo in un periodo di scontro sociale molto forte e il rischio che si crei un connubio tra politica e violenza va disinnescato immediatamente. Purtroppo, a mio avviso, il ministro Lamorgese sta dimostrando di non essere assolutamente in grado di gestire una situazione come questa”. Lo ha dichiarato in un’intervista a iNews24 il deputato della Lega, Edoardo Rixi, che ha poi proseguito: “L’assalto alla Cgil è stata un’azione gravissima anche dal punto di vista simbolico, ma davvero non riesco a capacitarmi di come un corteo possa attraversare Roma, andando a sfiorare Palazzo Chigi e il Parlamento, senza che nessuno si sia posto il problema di come sarebbe andata a finire”. Sui possibili legami tra la mancata protezione della sede della Cgil e i ballottaggi per il secondo turno delle elezioni amministrative, l’esponente della Lega ha commentato: “Questo non voglio nemmeno pensarlo, perché sennò saremmo di fronte ad atteggiamenti che vanno ben al di là del consentito. Detto ciò è evidente che c’è qualcosa che non va, e che esiste una distanza tra quanto viene percepito dalle persone e quanto invece avviene nei palazzi del governo.”  Rixi ha poi parlato delle proteste contro l’obbligatorietà del Green Pass a Genova e Trieste: “Anche in questo caso la circolare della Lamorgese che ha invitato le aziende a pagare i tamponi dei portuali, escludendo invece tutti i lavoratori delle altre categorie, non ha di certo aiutato, anzi ha creato ancora più tensione all’interno del mondo del lavoro”. Rixi ha poi spiegato: “Quello che sta accadendo nei porti italiani è qualcosa che mi preoccupa molto, perché con il blocco si rischia di non avere più le merci nei supermercati, nei magazzini e per la grande industria”. Rixi ha poi concluso: “Questa è una miscela molto pericolosa che si sta espandendo a macchia di leopardo, e che credo sia motivata da una sottovalutazione e dalla scarsa capacità di ascolto che il governo ha dimostrato sul tema del Green pass”

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 13 ottobre 2021 alle 21:30
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print