“Oggi abbiamo accompagnato una delegazione delle imprese del settore dell’acconciatura ed estetica, aderenti a Cna, Confartigianato e Casartigiani, dal  ministro per gli Affari regionali e autonomie Mariastella Gelmini, perché sosteniamo le loro richieste al governo. Riteniamo, infatti, che l’esecutivo debba valutare l’opportunità delle riaperture delle imprese del settore nelle zone rosse, ovvero contrastare con maggiore efficacia l’abusivismo e incrementare gli aiuti economici”. Lo affermano, in una nota, il vice presidente dei deputati di Forza Italia Stefano Mugnai, e i parlamentari azzurri Maurizio D’Ettore e Francesco Cannizzaro. “Abbiamo molto apprezzato – continuano – la disponibilità del ministro al dialogo con uno dei settori imprenditoriali che più di ogni altro sta subendo le conseguenze della pandemia da Covid-19. Aziende, in larga parte familiari, che hanno sempre assicurato massima attenzione al rispetto dei protocolli di sicurezza e igiene, operando anche degli investimenti importanti per non derogare alle nuove normative. Siamo certi che il governo, in linea con le indicazioni sull’andamento della pandemia, sappia dare una risposta concreta a delle legittime istanze. In gioco c’è la sopravvivenza di numerose imprese e famiglie”. Ad incontrare il ministro Gelmini anche Antonio Stocchi, nuovo presidente di Camera Italiana dell’Acconciatura, l’organizzazione fondata da CNA Unione Benessere e Sanità, Confartigianato Acconciatori e Cosmetica Italia, che rappresenta a livello nazionale, compreso l’indotto, oltre 200.000 addetti, coinvolge circa 80 industrie specializzate nel settore professionale, ed è l’unico interlocutore di riferimento unitario per l’acconciatura italiana in Italia e nel mondo.

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 14 aprile 2021 alle 21:10
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print