"E' da due settimane ormai che registriamo l'assenza del ministro e dei sottosegretari all'Agricoltura in questa Aula e in Commissione quando chiamati a rispondere ad interrogazioni che riguardano i compiti del ministero o a garantire l'esame dei provvedimenti. Preferiscono evidentemente l'impegno per la campagna elettorale o stringere mani nelle fiere proseguendo la loro propaganda. Nel caso della produzione del foie gras, con questa interrogazione abbiamo affrontato il tema dell'atroce realtà di una tecnica barbara e la risposta del governo non ci ha soddisfatto. E' tiepida e svicola rispetto a interventi urgenti e concreti. Sappiamo che in Italia la pratica dell'alimentazione forzata di anatre e oche è vietata dal 2001. Non abbiamo presentato un'interrogazione per sentirci dire questo".

Così il capogruppo Pd in commissione Agricoltura alla Camera, Stefano Vaccari, intervenendo in Aula in replica alla risposta del governo all'interrogazione presentata insieme ai colleghi dem, Forattini, Marino e Rossi.

"Volevamo sapere dal governo - ha aggiunto - quali passi formali avrebbe compiuto nei confronti dell'Ue per modificare il regolamento che stabilisce il requisito sbagliato e crudele del peso minimo del fegato d'oca e d'anatra per la produzione del foie gras. Requisito che si raggiunge solo attraverso la tortura degli animali che, chiusi in gabbie strettissime, sono sottoposti alla pratica del gavage, ovvero dell'inserimento di un tubo nella gola per costringerli a ingurgitare in pochi secondi e più volte al giorno una quantità di cibo esageratamente superiore alle necessità. Insomma, il foie gras non è altro che una produzione legata ad una malattia, la steatosi epatica, in totale contrapposizione con la tutela del benessere animale. Il governo deve sostenere con determinazione presso la Commissione europea l'adozione di metodologie alternative e non violente abrogando la norma dei pesi minimi. Nel frattempo deve avviare una moratoria temporanea e di civiltà che vieti nel nostro Paese importazione e commercializzazione del foie gras, prodotto solo in cinque Paesi Ue, e una campagna di sensibilizzazione sul consumo di questo alimento a partire dalla scelta che alcune catene della grande distribuzione hanno già fatto non inserendo sugli scaffali questo prodotto. Il resto - ha concluso - rischia di essere solo chiacchiere senza costrutto".

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 14 maggio 2024 alle 12:15
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print