"La global minimum tax è indispensabile. I giganti della rete, tipo Amazon, Google Facebook ed altri, sfuggono ad ogni imposizione fiscale. Quella dei vari Bezos, Zuckerberg, Musk, si profila ormai come una sorta di azione di depredazione del pianeta. Il realismo di Giorgetti descrive un quadro vero. Ma l'Italia, l'Europa ed il mondo intero devono reagire. Si tratta di porre fine allo sfruttamento delle risorse del pianeta, nel commercio, nell'editoria e ormai in ogni settore, da parte di pochi vampiri assetati. Mettere in riga questi giganti é indispensabile. In epoche andate l'America seppe intervenire sulle Sette sorelle, sulle grandi società petrolifere. Addirittura costringendole a dividersi in più imprese.

Bisogna agire. Questa è l'emergenza della democrazia. Non si può pensare di tassare un lavoratore, un commerciante, un pensionato e lasciare i Bezos di tutto il mondo prosperare in questo modo. É un dovere imporre a loro tasse diminuendole a chi ne paga troppe. L'occupazione economico-finanziaria da parte di nuovi padroni é la frontiera della democrazia, della libertà e della giustizia sociale. É una battaglia che deve essere affrontata dalla comunità internazionale con coraggio. Come si fece con altri colossi nella patria del liberismo, che é l'America. Ed è proprio il rispetto dei principi liberali che deve porre fine a questi oligopoli ed imporre un'equità fiscale". Così Maurizio Gasparri, presidente dei senatori di FI.

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 25 maggio 2024 alle 18:45
Autore: Redazione Centrale
vedi letture
Print