"Condivido e apprezzo l'impegno del Ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini per rilanciare i progetti infrastrutturali in Toscana, una delle regioni che soffrono maggiormente del ritardo. Servono nuove infrastrutture, come la Terza Corsia Firenze-Prato-Pistoia, ma serve anche ammodernare l'esistente. Tutto questo è possibile grazie ad un codice appalti che si basa sui principi del risultato, della fiducia, dell'apertura al mercato e della digitalizzazione: la politica del fare costa molto meno di quella del non fare - stimata intorno a 800 miliardi -, quella politica che la sinistra ha cocciutamente imposto alla Toscana".

Così Erica Mazzetti, parlamentare di Forza Italia e responsabile nazionale dipartimento lavori pubblici, nel corso di un'intervista a Il Tirreno. La priorità, per Mazzetti, è "l'ammodernamento della rete ferroviaria toscana, visti i continui disagi, tra interruzioni, ritardi e, purtroppo con sempre maggiore frequenza incidenti (ricordo i deragliamenti a Firenze), a cui siamo tutti sottoposti, soprattutto nelle tratte che coinvolgono Firenze e Siena, Firenze ed Empoli, il Valdarno e non solo". La deputata pratese ha accolto la proposta di "rilanciare il progetto di tramvia Prato-Firenze, perché permetterebbe di ridurre il carico di auto e connettere meglio il Pecci con Peretola, con ritorni anche sul piano del turismo e dei visitatori del Museo".

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 03 dicembre 2023 alle 22:15
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print