"I ministri dell'Economia Franco e dell'Agricoltura Patuanelli chiariscano se risponde al vero, come scrive 'Il Messaggero', che la società pubblica Amco starebbe per fare un passo indietro sul salvataggio Ferrarini, uscendo dalla cordata con il gruppo estero Pini che si contrappone all'operazione di sistema del Gruppo Bonterre appoggiato da tutte le associazioni di categoria (Coldiretti, Legacoop, Confagricolture, Alleanza Cooperative Agroalimentare) e dalle prime due banche italiane Intesa e Unicredit". Lo scrive su facebook il deputato di Italia Viva Michele Anzaldi. 

"Il presidente della commissione Agricoltura della Camera Gallinella - prosegue Anzaldi - dovrebbe valutare la convocazione dei ministri per avere chiarimenti. È doveroso chiarire a lavoratori e creditori che intenzioni ha il Governo in questo salvataggio, dopo i troppi silenzi del Governo Conte che hanno consentito ad una società pubblica come Amco di schierarsi dalla parte di un privato che ha i suoi principali centri di produzione all'estero. 

Se davvero Amco avesse finalmente deciso di fare un passo indietro, sarebbe una buona notizia per i lavoratori, per le aziende italiane dell'indotto, per i consumatori e per i creditori".

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 10 aprile 2021 alle 19:20
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print