“Tra la lotta al fascismo, la partecipazione alla Costituente e poi la funzione politica e parlamentare – per quanto relegata all’obbligata opposizione dagli equilibri geopolitici mondiali – il PCI è sempre stato fortemente ancorato ai valori e alle regole democratiche” così la senatrice Pd Valeria Fedeli in un’intervista rilasciata al portale
di Gianni Pittella in occasione del centenario della nascita del Partito Comunista italiano in cui l’ex ministra dell’Istruzione intreccia ricordi personali sui movimenti femminista e studentesco e il suo impegno sindacale nella Cgil con la storia del partito e dei suoi grandi protagonisti da Iotti a Berlinguer, da Noce a Napolitano a Rosa Luxemburg. “Un’attitudine naturale al governo – si legge ancora – a prescindere dai ruoli occupati, fondata sul senso di responsabilità – verso il Paese e verso le classi sociali rappresentate – sulla serietà delle proposte, sulle idee, sulle soluzioni più utili per lavoratrici e lavoratori, per le persone più in difficoltà.”

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 21 gennaio 2021 alle 12:30
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print