"Non so se la kermesse di Vox che si è svolta ieri a Madrid somigliava più ai raduni di Norimberga, eventi di pura propaganda nazista, o ai comizi di George Wallace degli anni ‘60 negli Stati Uniti. Quando Wallace, governatore dell’Alabama e candidato alla presidenza, organizzava comizi con la retorica segregazionista e l’opposizione ai movimenti per i diritti civili. Forse più Wallace direi…  Perché in fin dei conti le adunate del Movimento Sociale Italiano, che nella prima fase organizzava numerosi raduni in tutto il Paese, lo faceva per promuovere gli ideali post-fascisti. Ma qui siamo ben oltre, c'è l'intolleranza, il razzismo, la xenofobia, la paura verso chi non la pensa come te, con un linguaggio intriso d'odio come quello del Presidente argentino Milei, che ha mostrato un atteggiamento vergognoso e chi non prende le distanze è come lui. Sono nostalgici di un mondo che, per fortuna, esiste solo nella loro mente perché il mondo di oggi, i ragazzi di oggi, sono già molto, molto più  avanti. I giovani si sentono europei mentre le destre vogliono distruggerla.

I giovani chiedono diritti civili e loro vogliono vietarli. I giovani vogliono totale mobilità e loro ci mettono fili spinati e muri. I giovani vogliono che i diritti universali come sanità e scuola siano garantiti a tutti, mentre loro privatizzano i servizi. I giovani chiedono che gli stage siano retribuiti e che si abbatta il lavoro povero, mentre loro negano il salario minimo". Così Francesco Boccia, presidente dei Senatori del Partito Democratico, intervenendo a Siracusa ad un'iniziativa elettorale.

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 21 maggio 2024 alle 09:00
Autore: Redazione Milano
vedi letture
Print