Beppe Grillo, in collegamento con la conferenza stampa al Senato dei Cinque Stelle sulle comunità energetiche e l'autoconsumo, ha dichiarato: "Energia è un tema di civiltà, non si può continuare con il carbone. Ma l'energia fossile deve costare molto, non poco. Al governo ci sono persone intelligenti. Avete fatto un miracolo, ma qui non è un problema di dsstra e sinistra. Dobbiamo capire che fare dopo il Covid, il telelavoro ha dimostrato che si può risparmiare molta energia. I sindacati sono rimasti nel novecento, bisogna parlare con i produttori. Servono i sindacati digitali, che controllino l'uso dei dati. L'energia è un fatto di cultura: io mi facevo il carciofo bollito all'idrogeno, a contatto con la terra. Oggi non è il problema di destra e sinistra, noi siamo un popolo di anziani, in Parlamento ci occupiamo di cose inutili, di nomine. Ogni decisione di Singapore o di Taiwan viene presa chiedendo ai cittadini, ma al governo c'è il figlio del Re. Ma sono dittature, ed è paradossale che funzionino meglio delle democrazie. La parola Stato deve diventare una buona parola, dare la linea guida alla scuola, alle infrastrutture, alla sanità, ma con una visione, non visioncine delle singole persone". 

Favorire la transizione energetica ed ecologica del sistema elettrico del nostro Paese: oggi siamo qui a firmare il decreto che renderà operativa la misura introdotta nel decreto Milleproroghe del dicembre 2019. Da oggi l’obiettivo sarà quello di trasformare l’attuale sistema elettrico centralizzato, alimentato da combustibili fossili, in un sistema decentrato ed efficiente, alimentato dall’applicazione di tecnologie innovative con energie pulite, inesauribili e non inquinanti. In diretta dal Senato la conferenza stampa ⤵️

Pubblicato da Stefano Patuanelli su Martedì 15 settembre 2020
Sezione: Politica italiana / Data: Mar 15 settembre 2020 alle 13:00 / Fonte: Ansa
Autore: Roberto Tortora
Vedi letture
Print