“Una campagna contro la disinformazione è oggi più che mai necessaria e urgente. Sono totalmente d’accordo con il sottosegretario all’Editoria Giuseppe Moles e con il suo approccio di studio al fenomeno e alle problematiche che ne derivano in termini di conoscenza reale delle questioni. Le fake news costituiscono un freno allo sviluppo del nostro Paese, come avviene nel caso del nuovo nucleare. Non sono pochi quelli che confondono, anche e soprattutto in rete, la fusione con la fissione, o quelli convinti che i 65 siti potenzialmente idonei per costruire il deposito nucleare corrispondano ad altrettanti depositi e non all’unico previsto. Ignorando, in maniera più o meno consapevole, che in Italia esistono al momento già 17 piccoli depositi nucleari che potrebbero invece confluire in uno tecnologicamente avanzato anche in termini di totale sicurezza. Per non parlare di quelli che, per restare in tema di fake, pensano che gli impianti per il riciclo dei rifiuti di nuova generazione siano invasivi e dannosi per l’ambiente quando invece sono a emissioni zero e consentirebbero di eliminare la vergogna delle discariche abusive e gli inceneritori, evitando le infiltrazioni mafiose e risparmiando risorse economiche ed energetiche. Si cominci dalla scuola e dall’università, come propone saggiamente Moles, e si prosegua con ogni mezzo di informazione pubblica. Per evitare che, attraverso la menzogna costruita ad arte, ci sia chi derubi i nostri giovani di un progresso e di un futuro che è già presente”. Lo dichiara la vicepresidente dei senatori di Forza Italia, Alessandra Gallone, responsabile nazionale del Dipartimento Ambiente del partito.

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 20 settembre 2021 alle 20:10
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print