Un emendamento di Stefania Pezzopane (PD) al Dl Imprese approvato dalle commissioni Attività produttive e Finanze del Parlamento prevede che, chi percepirà il prestito Sace non potrà delocalizzare. Un altro emendamento approvato prevede, poi, che il prestito potrà essere utilizzato anche per i canoni di locazione o affitto di ramo d'azienda oltre che per i costi del personale, investimenti o capitale circolante impiegati in stabilimenti produttivi e attività imprenditoriali che siano localizzati in Italia. Luca Pastorino (Leu), co-firmatario dell’emendamento con Fratoianni ha così commentato: "Esprimo soddisfazione per l'approvazione dell'emendamento Fratoianni-Pastorino al decreto liquidità sui benefici alle aziende. Il testo esclude dai benefici dell'articolo 1 (finanziamenti sace) le imprese con sede legale nella lista aggiornata Ue dalle giurisdizioni non cooperative a fini fiscali, ovvero i paradisi fiscali".

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 17 maggio 2020 alle 21:15 / Fonte: Ansa
Autore: Roberto Tortora
Vedi letture
Print