«Nella fase transitoria del nuovo meccanismo di reclutamento dei docenti, va invertito l'ordine dei fattori indicato dal decreto legge 36. Prioritario non sia il concorso, ma la disponibilità di percorsi formativi abilitanti all'insegnamento senza numero chiuso e senza dover prima superare l'ennesima selezione, e l'accesso diretto ai corsi di specializzazione sul sostegno con tre annualità di esperienza specifica (attualmente oltre un docente di sostegno su tre non è specializzato)». Così il senatore Mario Pittoni, responsabile del Dipartimento Istruzione della Lega e vicepresidente della commissione Cultura a Palazzo Madama, nella prima parte della nota sul dl 36trasmessa al ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi, che anticipa le principali proposte emendative leghiste. Pittoni elenca poi le categorie interessate ai percorsi abilitanti: «1) Docenti precari che insegnano nella scuola statale (seconda fascia Gps), nelle paritarie (per carenza di docenti forniti di abilitazione) e nei centri IeFP, con anzianità di servizio pari o superiore a tre anni; 2) Docenti di ruolo, cosiddetti "ingabbiati", cui è attualmente sottratta la possibilità di conseguire l'abilitazione all'insegnamento per una classe di concorso diversa e/o per un diverso grado di istruzione pur possedendo il titolo di studio idoneo (il conseguimento dell'abilitazione è condizione imprescindibile per partecipare alla mobilità professionale prevista dal CCNL di categoria); 3) Dottori e dottorandi di ricerca, cui va riconosciuto il valore esperienziale del percorso di dottorato, ribadendo parallelamente l'importanza di frequentare e superare uno specifico percorso formativo dedicato all'insegnamento nella scuola secondaria».

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 21 maggio 2022 alle 16:45
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print