«Gli attuali concorsi della scuola basati su quiz a crocette hanno dimezzato, quando non addirittura ridotto a un terzo, la percentuale dei docenti che solitamente superano la prova. Senza neanche poter verificare la conoscenza della lingua italiana, relegata ormai a "optional". Mi chiedo come il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi possa sostenere che non è cambiato nulla». Lo dichiara il senatore Mario Pittoni, responsabile del Dipartimento Istruzione della Lega e vicepresidente della commissione Cultura a Palazzo Madama. «Da qui - aggiunge Pittoni - il sospetto che il sistema a crocette, cancellato dai futuri concorsi ma confermato per la fase transitoria prevista dal decreto legge 36 in discussione al Senato, abbia in realtà l'obiettivo di tagliare fuori il precariato storico, che pure nell'ultimo decennio si è fatto carico di puntellare il sistema. Di conseguenza - conclude Pittoni - chiediamo l'eliminazione della selezione a crocette anche per la fase transitoria».

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 28 maggio 2022 alle 14:30
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print