“Boccia dovrebbe solo provare vergogna a dire ció che dice visto che sono anni che “governa” Taranto. Lo ha fatto prima da protagonista di una operazione di commissariamento del comune con l’allora compianta sindaco Di Bello, operazione che la storia restituirà alla verità di un vero e proprio complotto per mettere le mani sulla città di Taranto. La stessa città sulla quale Boccia e compagni hanno messo le mani in questi anni con una gestione clientelare da Sudamerica. Basta guardare alcune liste a sostegno di Melucci, tanto caro a Boccia, che praticamente sono composte da tutti gli OSS e gli infermieri assunti dalla asl tarantina negli ultime anni”. Così Mauro D’Attis, deputato e commissario di Fi in Puglia, replica  a Francesco Boccia. “E poi chi si dimentica di quando Boccia quella notte si preoccupava di ottenere la nomina di Emiliano a Commissario (l’ennesimo) nominato dal Governo per gestire i fondi della decarbonizzazione di Taranto? Credo che non lo dimentichi nessuno, neanche i tarantini. Forse se lo dimentica proprio lui, Boccia”, conclude.

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 22 maggio 2022 alle 12:15
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print