"L’esclusione di Roberto Saviano dalla Fiera del Libro di Francoforte non è una volontà del governo Meloni ma degli stessi editori. Quindi la destra, la censura, il fascismo, i cattivoni, il commissario della Buchmesse, Mauro Mazza, non c’entrano nulla. Il ‘vittimone’ Saviano legga la nota dell’Aie, che più chiara di così si muore, dove si spiega che la scelta degli autori ospiti a Francoforte è frutto di una procedura, fatta di un proficuo dialogo e confronto con i singoli editori e agenti letterari italiani, a partire proprio dalle loro proposte. E’ ora di dire basta alle polemiche e ci auguriamo che anche lo stesso Saviano ne prenda atto”.

Lo dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione Cultura al Senato, Paolo Marcheschi.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 30 maggio 2024 alle 23:20
Autore: Veronica Mandalà / Twitter: @very_mandi
vedi letture
Print