Massimiliano Iervolino, segretario di Radicali Italiani commenta l'informativa del presidente del Consiglio dei ministri alle Camere.

"Una fase 2 che non preveda la disponibilità su vasta scala di test sierologici o tamponi per i potenziali contagiati e di un aumento dei posti in terapia intensiva richiederebbe un’uscita molto più lenta e graduale dalle restrizioni alle libertà personali, con un incremento del danno economico per le attività produttive".

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 30 aprile 2020 alle 21:45
Autore: Ivan Filannino
Vedi letture
Print