“Ritengo che la relazione odierna dell’ambasciatrice Rita Laranjinha, direttrice del Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE) per l’Africa, sulla situazione nel Congo e il dibattito che ne è seguito in commissione Affari Esteri (Afet) siano stati un contributo utile alla ricerca della verità e affinché queste tragedie non si ripetano. La morte dell’ambasciatore italiano, Luca Attanasio, e del carabiniere Vittorio Iacovacci, assieme all’autista Mustapha Milambo, hanno segnato profondamente l’Italia e il minuto di silenzio osservato in commissione prima del dibattito è stato un momento carico di cordoglio”.

Così Anna Cinzia Bonfrisco, europarlamentare della Lega componente della commissione Affari Esteri e sostituto della sottocommissione Difesa e Sicurezza del Parlamento Europeo: “L’incessante lavoro per la pace” – continua l’europarlamentare – “la giustizia, la cooperazione, la solidarietà e soprattutto il diritto, sono gli unici in grado di preservare la dignità umana di tutti. Per questo motivo, ho chiesto al Servizio europeo per l’azione esterna se pensa di suggerire ai diversi attori internazionali sul campo di dedicare maggiori risorse alla protezione del personale civile e militare che opera in Congo. Inoltre ho domandato come il SEAE intenda facilitare, in generale, gli forzi volti a porre fine alle numerose impunità per le violazioni dei diritti e nuove regole per le sanzioni a chi si macchia di questi gravi crimini”.

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 01 marzo 2021 alle 18:10
Autore: Redazione PN
Vedi letture
Print