"Leggo in queste ore affermazioni farneticanti e palesemente false. Oggi la dispersione scolastica degli studenti stranieri è pari al 30,1% contro il 9,8 di quella degli studenti italiani. I rendimenti in italiano e matematica degli studenti stranieri sono drammaticamente peggiori di quelli degli studenti italiani. Io ho proposto una strada di autentica inclusione prevedendo che lo studente straniero continui ad essere inserito nella classe ordinaria, come avviene adesso, e che per recuperare gravi carenze nella lingua italiana, ma anche in matematica, frequenti per il tempo necessario, e solo per queste discipline, classi collaterali di potenziamento o corsi pomeridiani obbligatori. Deciderà la scuola nella sua autonomia. Chi vuole che il modello attuale rimanga intatto non vuole il bene dei giovani immigrati, né è interessato ad una vera inclusione, ma preferisce fallimentari chiacchiere ideologiche".

Lo afferma il ministro dell'Istruzione, Giuseppe Valditara.

Sezione: Politica italiana / Data: Ven 01 marzo 2024 alle 22:30
Autore: Veronica Mandalà / Twitter: @very_mandi
vedi letture
Print