"Mollicone si arrampica sugli specchi ed utilizza argomenti pretestuosi per difendere l'indifendibile. Un conto è correggere alcuni aspetti di una legge che ha funzionato e che  dopo otto anni è giusto revisionare anche per adattarla ai mutamenti del settore, altra cosa è colpire il cuore della produzione cinematografica e costruire un groviglio di norme che, annunci e semplificazioni a parte, neanche il ministro e il sottosegretario sono in grado di spiegare. E non è un caso che in questi giorni chi si occupa di promozione internazionale a Cannes sta vivendo con imbarazzo le reazioni dei grandi produttori internazionali che già annunciano di voler andare a girare altrove pur di evitare la

palude della burocrazia e la politicizzazione delle scelte imposte da Sangiuliano" così in una nota i deputati democratici della commissione cultura della Camera, replicano al presidente Mollicone. "Mollicone parla di nuovo tax credit - concludono - noi vediamo solo il taglio drastico di 130 milioni di euro, di questo vogliamo di confrontarci in commissione non appena sarà calendarizzata la nostra risoluzione parlamentare, depositata oggi,  di cui chiederemo  l'esame urgente".

Sezione: Politica italiana / Data: Ven 17 maggio 2024 alle 21:30
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print