“Sulla vicenda del ritorno in Italia di Chico Forti, il governo, con il prezioso coordinamento del ministro Tajani, ha lavorato in silenzio, con grande riservatezza e con attenzione ai rapporti diplomatici tra Italia e Stati Uniti. La soluzione positiva mette in luce un legame straordinario che l’esecutivo ha con l’amministrazione americana, fatto di reciproco rispetto, di autorevolezza e di attenzione alle relazioni transatlantiche. Il nostro naturalmente non è innocentismo a buon mercato. Nessuno nega che Forti sia stato condannato con sentenza passata in giudicato. Finirà di scontare la sua pena in Italia, come è giusto che sia.

Forza Italia crede da sempre nella funzione rieducativa della detenzione. E d’altronde, è giusto dirlo, l’azione diplomatica di successo del nostro governo ha fatto leva anche sul comportamento di Forti. E’ stato in questi anni un detenuto modello e aveva, dunque, le carte in regola dal punto di vista tecnico per consentire a chi ha agito con intelligenza e cautela di ottenere un risultato atteso da quasi 25 anni”. Lo ha dichiarato Raffaele Nevi, vicepresidente vicario del gruppo alla Camera e portavoce di Forza Italia, intervenendo a Tgcom24.

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 19 maggio 2024 alle 11:00
Autore: Redazione Milano
vedi letture
Print