Nel “sistema Westminster, il modello inglese”, il premier “ha tutti i poteri, quindi molto più poteri di quelli che sono previsti nel mio disegno di legge, e nessuno ha mai parlato per questo di derive autoritarie”. Lo ha dichiarato la ministra per le Riforme Istituzionali e la Semplificazione Normativa, Elisabetta Casellati, commentando con i cronisti a termine dell’inaugurazione di InandAut Fest, a Milano, le critiche rivolte dal quotidiano britannico The Times alla riforma del premierato.

“Non sono affatto d’accordo”,- ha osservato - “nel senso che la riforma da me sottoscritta corre sui binari dei valori della Costituzione repubblicana, quindi trovo singolare questa critica". 

In merito ai dubbi sollevati sulla riforma dalla senatrice a vita, Liliana Segre, in un intervento in Parlamento, Casellati ha affermato: “Io ho un grande rispetto per la senatrice Segre, che è anche un’amica alla quale io ho dedicato il mio discorso di insediamento quando sono stata eletta presidente del Senato”, ma “non la penso come lei, ho scritto una cosa diversa". 

Sezione: Politica italiana / Data: Ven 17 maggio 2024 alle 16:30
Autore: Tommaso Di Caprio
vedi letture
Print