"Ci sono due guerre. La sanità non funziona. I salari sono fermi. La scuola diploma il 40% di ragazzi impreparati. Il 50% degli elettori non va a votare. La destra non ha soluzioni, la sinistra risponde promettendo qualsiasi cosa. E ogni giorno parliamo di insulti, risse, “golpe democratici”, telemeloni. Così non ne usciremo fuori e alle elezioni europee rischiamo le urne deserte. Proviamo a prendere l’impegno, almeno nell’ultima settimana di campagna, di informare i cittadini e parlare dei programmi e dei candidati europei. Non è un concorso di simpatia/antipatia tra Schlein e Meloni. Si tratta di togliere l’Italia dalla vergognosa posizione di terzultima per influenza al Parlamento Europeo. Se scegliamo su altre basi poi non lamentiamoci della nostra irrilevanza".

Lo scrive su X il segretario di Azione, Carlo Calenda.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 30 maggio 2024 alle 13:40
Autore: Veronica Mandalà / Twitter: @very_mandi
vedi letture
Print