"Una bella notizia e una grande soddisfazione: il Cdm su proposta del Presidente Draghi ha approvato il testo del Codice della ricostruzione. Proprio ieri in commissione Ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera avevamo deciso di far ripartire l’iter della mia proposta di legge delega per un Codice della Ricostruzione, mentre attendevamo il testo del Governo. La proposta di legge Pd , a mia prima firma,  “Delega al governo per l'adozione del Codice della ricostruzione” è pronta da tempo. Finalmente, così come avevamo chiesto, il governo con la sua proposta fornisce al Parlamento un contributo essenziale ed avremo la possibilità di affrontare in modo organico la questione di come si interviene in una emergenza e quali governance e norme debbano subito essere adottate senza aspettare anni per avere le giuste regole e non utilizzando le popolazioni come cavie su cui sperimentare nuovi modelli. L'obiettivo è individuare una normativa generale della ricostruzione che preveda poteri, competenze, procedimenti e misure da adottare in caso di eventi emergenziali , attivabili in modo automatico.

Norme, governance, procedure per gli appalti, misure per il sostegno economico: tutto deve essere definito e lo Stato deve essere pronto e non andare più per tentativi. Il Pd aveva chiaro questa necessità , per questo avevamo presentato già il 5 agosto scorso la proposta di legge a mia prima firma e sottoscritta da numerosi colleghi e dalla capogruppo Debora Serracchiani. Ora saranno unificati i vari testi affinché si arrivi rapidamente ad una legge giusta e condivisa. Ringrazio il presidente Draghi, Elisa Grande di CasaItalia e tutti coloro che hanno lavorato per raggiungere questo traguardo importante per un paese da sempre devastato da eventi calamitosi. Ora al lavoro per dare entro la fine della legislatura, un segnale forte al paese".

Lo ha dichiarato Stefania Pezzopane, deputata Pd e responsabile Nazionale Terremoti e Ricostruzione.

Sezione: Politica italiana / Data: Ven 21 gennaio 2022 alle 22:10
Autore: Veronica Mandalà / Twitter: @very_mandi
vedi letture
Print