Emma Bonino, senatrice di +Europa, commenta così la decisione del governo di tenere mercoledì prossimo una informativa e non le inizialmente previste comunicazioni con relativo voto di risoluzioni in vista del Consiglio europeo: "Faccio solo notare che in materia di Ue il Parlamento italiano non dice nulla da fine febbraio. Non so in quale sede questa decisione sia stata presa. Al di la delle motivazioni, penso che si sia temuto che sul Mes la maggioranza non avrebbe tenuto", sostiene Bonino, che intendeva presentare una risoluzione in materia da porre in votazione al Senato. Lo riporta ANSA.

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 15 giugno 2020 alle 18:50
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print