In una nota il ministro della Giustizia, e capo delegazione del MoVimento 5 Stelle al governo, Alfonso Bonafede, scrive: "Imporre una patrimoniale, specie in un momento difficile come quello che stiamo vivendo, significa colpire indistintamente il ceto medio. Si può aprire un confronto, invece, sull'idea rilanciata da Beppe Grillo di chiedere un contributo a chi possiede un patrimonio dai 50 milioni in su, senza per questo penalizzare il mondo dell'impresa che costituisce uno dei pilastri portanti della nostra economia".

Sezione: Politica italiana / Data: Ven 04 dicembre 2020 alle 21:00
Autore: Ivan Filannino
Vedi letture
Print