"Sapevamo che portare avanti le battaglie del M5S su certi argomenti non sarebbe stato per nulla facile ma, premesso che le rifarei tutte, la giustizia è stata davvero un pretesto. C’era l’intenzione di aprire una crisi, e chi è stato ai tavoli della trattativa nell’ex maggioranza sa che i temi non erano il vero punto".

Sono le parole dell'ex Guardasigilli, Alfonso Bonafede, oggi a Il Fatto Quotidiano.

"Io non ho mai posto la mia questione personale, ma quella dei nostri valori e dei nostri risultati da preservare, come la riforma della prescrizione, che era una delle promesse principali del programma del M5S - spiega. Ho chiarito subito che la mia permanenza come ministro non doveva essere un problema, e che comunque non mi interessava essere promosso o destinato ad altro ministero - aggiunge. E sull'alleanza con il Pd, Bonafede non ha dubbi: "L’esperienza del governo giallorosa è stata positiva, e penso che questa coalizione debba lavorare per guidare il Paese anche in futuro. Penso che il futuro del M5S non possa che essere intrecciato a quello di Conte" conclude.

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 22 febbraio 2021 alle 10:50
Autore: Simone Gioia
Vedi letture
Print