“Rileviamo, con notevole disagio, come il Ministro Franceschini, una settimana fa, si sia confrontato con alcuni assessori alla cultura dei comuni capoluogo (Roma, Milano, Genova, Torino, Firenze, Bologna, Venezia, Ancona, Napoli, Bari, Cagliari, Palermo) venendo - però -  meno alla più corretta prassi istituzionale, visto il mancato coinvolgimento delle regioni che, per competenza, sono coinvolte in prima battuta nella gestione sanitaria delle riaperture.  Con gli assessori comunali, il Ministro ha discusso dell’apertura di alcuni tavoli le cui determinazioni ricadranno sulle nostre spalle, soprattutto in termini di programmazione e di oneri finanziari. Nell'ottica di un confronto con le realtà regionali vorremmo lavorare insieme a una programmazione per le riaperture. Una road map che sia rigorosa e definitiva, che riconosca agli istituti e ai luoghi della cultura il tempo necessario per organizzarsi dal punto di vista della programmazione artistica teatrale (produzione e ospitalità) e per garantire l’osservanza dei protocolli sanitari. Questi ultimi soprattutto, devono essere discussi prima nel tavolo con le Regioni e solo successivamente si possono sottoporre al Cts. Purtroppo ieri abbiamo appreso che il Ministro ha già fissato un incontro con il Cts per portare proposte di protocolli a noi sconosciuti. Quindi, se da una parte apprezziamo il cambio di passo per l'anticipazione del FUS che domani sarà discusso in un tavolo tecnico, ci aspettiamo lo stesso impegno anche nella condivisione e nello studio di protocolli realmente condivisi e sostenibili per il settore. È adesso necessario individuare dei protocolli graduali, relativi alle riaperture di musei, cinema e teatri, in relazione al colore che viene attribuito a ogni regione. Per tutte queste ragioni, oggi non saremo presenti a un tavolo a cui mancano i più elementari presupposti di correttezza istituzionale, certi che a breve verrà fissato un nuovo appuntamento che dimostri una vera volontà di condivisione tra livelli istituzionali diversi".

Lo affermano in una nota gli assessori regionali alla cultura della Lega.

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 07 aprile 2021 alle 20:10
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print