"Il Partito Democratico nel 2020 ha fortemente voluto il Recovery, con il negoziato chiuso brillantemente dal Presidente Conte e dai nostri compagni di partito Roberto Gualtieri e Enzo Amendola. Oggi pretendiamo il rafforzamento, senza condizioni, della sanità pubblica e il potenziamento dei 40 mila plessi scolastici. Su questi temi la destra è silente. I numerosi conflitti di interessi, per le innumerevoli sponde con i diversi interessi alternativi, portano la destra ad essere afona su questa nostra richiesta. Noi insistiamo con il progetto scuole sicure che dovrà essere gestito dagli enti locali e qui va detto che Scilla è un esempio di come si può essere efficienti e moderni al tempo stesso. Sulla transizione digitale e sulla transizione ecologica il ruolo dei Comuni e delle Regioni sarà decisivo. E mentre noi parliamo di nuovi servizi alla persona, trasporti locali potenziati ovunque nel Sud, a partire dalla Calabria arrivando a tutte le aree interne e alle aree di montagna, la destra parla solo di gestione di potere e di no a green pass e vaccini, con Lega e FDI che vogliono occupare con Occhiuto e Spirlì la Regione Calabria nei prossimi anni. La Calabria con la destra al governo resta il fanalino di coda e, anche per questo, Amalia Bruni rappresenta la speranza di una Calabria che sa prendersi cura di se stessa con trasparenza e rigore. Il lavoro che potranno fare insieme il nostro capolista a Reggio Calabria, Nicola Irto, e Amalia Bruni, sarà fondamentale per consentire a questo splendido territorio di essere rispettato e amato anche dalle istituzioni, anziché sfruttato e calpestato". Così Francesco Boccia, deputato PD e responsabile Enti locali della Segreteria nazionale, oggi a Scilla per un'iniziativa elettorale con Nicola Irto, capolista PD al consiglio regionale, e il sindaco di Scilla, Pasquale Ciccone, in sostegno ad Amalia Bruni, candidata alla presidenza della Regione Calabria.

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 21 settembre 2021 alle 10:00
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print