“Quindici Stati europei assegnano più sovvenzioni per i combustibili fossili che per le energie rinnovabili. L’analisi della Corte dei Conti europea sulla tassazione dell’energia e la fissazione del prezzo del carbonio lascia sgomenti perché rivela quanto ipocrita sia l’Unione europea nella lotta ai cambiamenti climatici. Le sovvenzioni per i combustibili fossili ostacolano il raggiungimento degli obiettivi europei del Green Deal poiché frenano la transizione all’energia pulita e rinnovabile. Nel complesso, le sovvenzioni assegnate dagli Stati membri per i combustibili fossili ammontano a oltre 55 miliardi di euro all’anno e anziché diminuire negli ultimi anni sono rimaste stabili e questo nonostante gli inviti e gli impegni presi a eliminarle gradualmente. Gli Stati membri forniscono due terzi di queste sovvenzioni (35 miliardi di euro nel 2018) sotto forma di esenzioni o riduzioni fiscali, mentre la terza parte (8,5 miliardi di euro) è costituita da tariffe e premi di riacquisto e regimi di sostegno ai prezzi. L’Italia, assieme a Spagna e Germania, è uno dei Paesi che fa meglio, ma questo non è sufficiente: dobbiamo ridurre notevolmente le agevolazioni fiscali per la produzione di fonti energetiche inquinanti. La Commissione europea che si è impegnata formalmente in sede Onu a favore degli obiettivi di sviluppo sostenibile da raggiungere entro il 2030 dovrebbe intervenire urgentemente sugli Stati membri e chiedere una moratoria dei finanziamenti alle fonti fossili per impedire ulteriori sprechi finanziari e danni all’ambiente. Basta mettere la testa sotto la sabbia, solo con coraggio e ambizione possiamo cambiare questa Europa”, così in una nota Laura Ferrara, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 01 febbraio 2022 alle 13:40
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print