Sono 800 mila gli edifici che sono stati distrutti in Ucraina dall'inizio dell'invasione russa. Lo ha dichiarato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nel suo intervento in videoconferenza alla Conferenza di Lugano sulla ricostruzione dell'Ucraina. "Sono state distrutte scuole, universita', asili, pregiudicando il nostro sistema di istruzione", ha affermato Zelensky, "sono state colpite 79 unita' ospedaliere". Secondo il presidente ucraino, il lancio di missili su obiettivi civili "non e' tattica militare" ma e' "il metodo di uno Stato terroristico che vuole affermare che la nostra scelta democratica non e' realizzabile". "Piu' di 12 milioni di ucraini sono stati costretti a diventare rifugiati o sfollati", ha detto ancora Zelensky, "alcuni di loro torneranno anche se non avranno la casa nella stessa citta', dopo questa guerra sara' difficile avere sensazione di casa".

Sezione: Politica estera / Data: Lun 04 luglio 2022 alle 14:45
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print