Il tenente colonnello Alexander Vindman, testimone chiave nel processo di impeachment che ha riguardato il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un tweet ha annunciato le proprie dimissioni dall’esercito americano, dopo oltre 21 anni di servizio militare. Le ritorsioni politiche nei suoi confronti, successive alla sua testimonianza – stando a quanto afferma lo stesso Vindman - saranno sempre un limite per il suo futuro. Questo il testo: "Oggi ho chiesto ufficialmente il ritiro dall'esercito americano, un'organizzazione che amo. Non vedo l'ora che arrivi il prossimo capitolo della mia vita e della mia famiglia.

L'avvocato di Vindman, David Pressman, ha dichiarato in una nota, ottenuta da ABC News, che il suo cliente “ha subito una campagna di bullismo, intimidazione e ritorsione ed è stato vittima di bullismo dal presidente e dai suoi delegati, dopo la sua testimonianza di novembre nelle udienze di impeachment della Camera: "Attraverso una campagna di bullismo, intimidazione e ritorsioni, il presidente degli Stati Uniti ha tentato di costringere LTC Vindman a scegliere: tra aderire alla legge o compiacere un presidente. Tra onorare il suo giuramento o proteggere la sua carriera. Tra proteggere la sua promozione o la promozione dei suoi compagni soldati. Il patriottismo di Vindman gli è costato la carriera".

Trump ha licenziato Vindman, come massimo esperto di politica in Ucraina, dal Consiglio di sicurezza nazionale a febbraio, due giorni dopo la sua assoluzione al Senato, insieme a suo fratello gemello che prestava servizio alla Casa Bianca come avvocato del National Safety Council. Il presidente ha cercato di giustificare la mossa su Twitter, senza prove, dicendo che Vindman "ha avuto problemi di giudizio, aderendo alla catena di comando e perdendo informazioni. Era molto insubordinato, riportava erroneamente i contenuti delle mie chiamate e gli veniva dato un rapporto orrendo dal suo superiore”.

L'account Twitter ufficiale della Casa Bianca ha anche attaccato la credibilità di Vindman, mentre stava testimoniando davanti al Comitato di intelligence.

Secondo i funzionari statunitensi, il nome di Vindman era incluso nell'elenco degli ufficiali dell'esercito selezionato per la promozione al grado di colonnello. Tale elenco era stato sottoposto a revisione presso l'ufficio del Segretario alla Difesa, prima di essere inviato alla Casa Bianca.

L'ufficiale decorato ha ricordato la decisione di suo padre di lasciare l'Unione Sovietica per gli Stati Uniti e ha affermato di non aver paura di dire la verità: "Papà, sono seduto qui oggi nel Campidoglio degli Stati Uniti, a parlare con i nostri professionisti eletti - ha dichiarato Vindman a novembre - è la prova che hai preso la decisione giusta 40 anni fa di lasciare l'Unione Sovietica e venire qui negli Stati Uniti d'America in cerca di un migliore vita per la nostra famiglia. Non preoccuparti, starò bene per dire la verità”.

Sezione: Politica estera / Data: Mer 08 luglio 2020 alle 21:45 / Fonte: ABC News Politics
Autore: Roberto Tortora
Vedi letture
Print