La multinazionale statunitense Boeing, leader del settore dell'aerospazio, ha recentemente annunciato di aver raggiunto un accordo con il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti per un pagamento di 51 miliardi di dollari come risarcimento per aver violato le restrizioni di Washington sull'esportazione di armamenti.

Tra le violazioni contestate a Boeing, c'è anche il caso legato a tre dipendenti cinesi dell'azienda che hanno copiato impropriamente dei documenti riservati sui programmi del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Secondo quanto riferito dal Dipartimento di Stato americano tra il 2013 e il 2017 tre dipendenti di Boeing impiegati perso la sede cinese do Boeing hanno scaricato informazioni tecniche relative a diversi aerei militari e sistemi d'arma utilizzati dalle forze armate statunitensi. Questi dati comprendevano dettagli sui caccia F-18, F-15 ed F-22, sull'aereo da sorveglianza e controllo radar E-3, sull'elicottero d'attacco AH-64 e sui missili da crociera Agm84E Slam.

Sezione: Politica estera / Data: Ven 01 marzo 2024 alle 16:20
Autore: Tommaso Di Caprio
vedi letture
Print